Lingua madre: racconti di donne straniere in Italia

Quattro donne di diversa nazionalità in primo piano
Le donne straniere si raccontano e lo fanno nella lingua del paese ospitante, in questo caso l'italiano. Un modo per uscire dal silenzio e per emergere dalla massa informe in cui spesso sono relegate le molte immigrate che ormai fanno parte del nostro tessuto sociale, delle nostre città.

Il concorso, indetto dalla regione Piemonte e ideato da Daniela Finocchi, è giunto alla terza edizione ed è un'emanazione di un progetto permanente finalizzato alla valorizzazione delle culture, delle lingue e delle tradizioni di tutti i paesi. L'iniziativa è di certo lodevole in quanto mira a evitare che le persone provenienti da altre realtà si appiattiscano sulla cultura dominante impedendo uno scambio reale e costruttivo nel rispetto reciproco.

Possono partecipare tutte le straniere residenti in Italia, purché scrivano in lingua italiana. Una sezione speciale è invece dedicata alle "penne" italiane che hanno voglia di raccontare le storie di donne immigrate con cui sono venute a contatto. Il termine per l'invio degli elaborati è il 31 dicembre 2009. Chi volesse maggiori informazioni può visitare il sito del concorso.

Foto | MilanoSanità

  • shares
  • Mail