Al teatro India Walter Pedullà con Il nuovo che avanza

Foto Walter PedullàWalter Pedullà, professore e critico letterario, ha presentato martedì 26 ottobre il suo nuovo libro nel Bookshop del teatro India a Roma. Raggiungere il luogo è stato un po’ difficoltoso… Ci si arriva percorrendo una strada poco, o niente illuminata, più o meno alle spalle della stazione Trastevere. Lo scenario che si trova dopo la scarpinata, però, è molto suggestivo e merita di essere visitato.

Insieme all’autore erano presenti Andrea Cortellessa, Arturo Mazzarella e Arnaldo Colasanti. Il titolo del libro è “Il vecchio che avanza” e scrive Pedullà: “C’è un vecchio che avanza e questo non è solo l’autore.” Riprende il titolo anche Cortellessa nel suo intervento e precisa che “il vecchio “ è anche la zavorra che in cultura e politica ci radica a qualcosa che vorremmo abbandonare e “avanza” sta per andare avanti, ma può essere inteso anche come residuo. E l’avanzo è ad esempio ciò che nel ‘900 è rimasto a margine e ora ricompare.

L’elemento da sottolineare, sempre secondo Cortellessa, sono gli articoli di politica che occupano la prima parte del libro. “In politica e in arte- si legge - la nostra è infatti l’epoca di Carlomignolo, colui che dà la felicità col minimo”. E’ un tempo in cui vige il minimalismo, sia letterario (si parla di cinesizzazione della narrativa: scritti omologati), che sociale: non c’è spazio per le grandi ambizioni. “L’Italia è una nazione di sempre più strette vedute e negata alla grandezza.”

Ha concluso l’evento Walter Pedullà che, dopo avere ringraziato i relatori, ha raccontato la sua sconfinata ammirazione per Giacomo Debenedetti, che gli correggeva i primi articoli e il suo imbarazzo quando partecipava a incontri con giganti della letteratura come Elsa Morante. Parlerò ancora di questo testo, di cui finora ho letto solo qualche articolo, perché credo contenga spunti interessanti, che non possono essere liquidati in un solo post.

Il vecchio che avanza
Walter Pedullà
Ponte Sisto edizioni, 2009
€ 18

Foto | Abruzzo Cultura

  • shares
  • Mail