Minacciato di morte scrittore iraniano

Un'altra brutta storia per la nostra rubrica del giovedì "Censure&Assassini".

Lo scrittore iraniano Akabar Ganji, attualmente in carcere per dissidenza, è stato minacciato di morte.

Così inizia la missiva inviata a Lettera22 in cui Ahmed Rafat racconta la storia:

"Mio marito nel nostro ultimo incontro mi ha rivelato di aver ricevuto minacce di morte''. A parlare è Massoumeh Shafii, moglie del giornalista e scrittore iraniano Akbar Ganji, in carcere dal 2000, al rientro da Berlino dove aveva partecipato a una conferenza organizzata dalla fondazione Heinrich Boell. ''Ganji mi ha detto che alcuni uomini del procuratore Saiid Mortazavi lo hanno avvicinato minacciandolo di morte e dicendogli che potrebbero ucciderlo facilmente anche se verrà rilasciato'' [Continua a leggere...]
  • shares
  • Mail