Un libro per l'estate: Federico Fascetti e il mare che sta a guardare

Copertina del libro E intanto il mare sta a guardare di Federico FascettiUn libro che si lascia leggere volentieri questo di Federico Fascetti dal titolo E intanto il mare sta a guardare. La storia è classica: ad un giovane insegnante viene affidata una supplenza per un lungo periodo. Il giovane, pieno di entusiasmo, non mollerà alle prime difficoltà anzi riuscirà a fare breccia nel cuore degli studenti, di uno in particolare, fino a provare com-passione (nel senso etimologico del termine) per il loro vissuto.

Il libro, scritto molto bene, anche se a volte un vocabolario molto ricercato rende alcuni passaggi molto costruiti, ha un pregio importante, secondo me: è ambientato in Italia. Solitamente queste storie (a fine più o meno lieto e non dico come finisce questo) sono ambientate in America, terra madre di tutte le disgrazie, a quanto pare. Questo di Fascetti invece è ambientato tra Roma e Anzio e presenta aspetti della nostra cultura e del nostro quotidiano che ci fanno sentire vicina la storia narrata.

Curata e semplice la veste grafica, con pochissimi refusi tipografici. Simpatica l'idea di far precedere il testo agli indicatori stradali, in cui si rinfresca il significato della punteggiatura e si invita a rispettarlo per usufruire pienamente della lettura. Forse una copertina meno ovvia avrebbe dato un maggior valore al testo che, comunque, credo valga la pena di leggere. Un libro che potrà essere apprezzato maggiormente dagli amanti del mare che, nel romanzo, è una sorta di presenza vigile, rassicurante e inquietante al contempo.

Federico Fascetti
E intanto il mare sta a guardare
Fermento 2009
pp. 204, euro 14,00

  • shares
  • Mail