A capofitto: un'avvincente caccia sotto i mari

capofittoSe credete ai giudizi che contano, Publishers Weekly ha definito questo libro d'azione di Michael DiMercurio, appena tradotto da Luca Pastori per l'editore Longanesi, come "un talento che sfida quello di Tom Clancy". Sarà perché tutto ruota intorno un'avvincente caccia sotto i mari con le armi tecnologicamente più avanzate e le manovre più ardite. O sarà perché i protagonisti sono un gruppo di terroristi algerini che sequestrano un sottomarino nucleare francese, per colpire Parigi e New York, ma la storia c'è tutta come potete notare, nel leggerne un brano:

"Il Texas accelerò, mentre il ponte cominciava a vibrare. Voronado sentiva il cuore che gli martellava in petto. Non era paura. Era rabbia. Voleva vendetta. Nessun terrorista avrebbe mai lanciato un siluro contro il suo amato Texas per poi vedere l'alba del giorno dopo. Si mise a studiare la mappa, cercando di immaginare cosa stesse pensando il comandante del Vigilant..."

La storia ha come scenografia la costa orientale degli Stati Uniti, dove due capitani sono chiamati a un'esercitazione NATO che si conclude con la sconfitta delle unità americane. A parte un particolare prevedibile come le famiglie dei comandanti dei sottomarini USS Hampton e USS Texas pese in ostaggio, è buona la suspance creata nell'inseguimento al Vigilant, il sottomarino, una meraviglia della tecnica in grado di eludere qualunque sonar.
C'è il coraggio umano e la tecnologia più avanzata, ci sono le manovre più ardite e la voglia di uscir vincitori dalla storia, mentre la vicenda assume i toni dello scontro politico internazionale.

Michael DiMercurio
A capofitto
Longanesi
Pagine: 432
Prezzo: € 18.60

  • shares
  • Mail