Chavez regala al popolo Don Chisciotte e I Miserabili

Hugo Chavez, presidente del Venezuela

Lo scorso aprile Hugo Chávez, presidente del Venezuela, ha lanciato il suo Piano rivoluzionario di lettura, che in questi ultimi giorni prevede la distribuzione gratuita ai cittadini di Caracas del Don Chisciotte di Cervantes e de I Miserabili di Victor Hugo in versione integrale. In Plaza Bolívar a Caracas si sono create file di oltre cento metri per ritirare il capolavoro della letteratura francese.

Il Piano rivoluzionario di lettura prevede anche la diffusione di testi scritti dallo stesso Chávez, del Manifesto del partito comunista, di saggi storici e politici e opere di José Martí e Alejo Carpentier. Non a caso il presidente venezuelano, durante il quinto Summit delle Americhe, ha personalmente donato a Barack Obama proprio un libro. Si tratta di un saggio anti-imperialista dell'uruguaiano Eduardo Galeano, intitolato The Open Veins of Latin America. Memorabile il commento del Presidente USA: «sarò franco: se mi ha regalato una copia di Peter Pan, non vuol dire che io me la leggerò [risate], però è buona norma diplomatica accettare questo genere di doni».

Gli oppositori di Chávez denunciano il tentativo del governo di operare sul popolo venezuelano una sorta di «lavaggio del cervello», come riporta «The Guardian». Tuttavia gli organizzatori del Piano ribattono che la lettura de Les Misérables di Hugo non può essere considerata in alcun modo una forma di indottrinamento.

I libri del Piano rivoluzionario di lettura sono divisi in quattro collane tematiche: le autobiografie (con copertina rossa); i testi di «risimbolizzazione», volti a decostruire i cardini simbolici e concettuali del capitalismo (con copertina verde); i libri di formazione socialista e bolivariana (con copertina arancione); i manuali di «resistenza militante» contenenti strumenti teorici e pratici per difendersi dall'imperialismo (con copertina nera).

Via | The Guardian

  • shares
  • Mail