Ancora un giorno, di Ryszard Kapuscinski

ancora un giornoE' il settembre del 1975, e Ryszard Kapuscinski ha affittato una stanza d'albergo affacciata sul porto di Luanda, in Angola (Africa). Ci rimarrà tre mesi, in attesa della data fatidica: l'11 novembre, giorno in cui è prevista la proclamazione d'indipendenza del paese dal Portogallo. Sotto i suoi occhi, la città si svuota dei suoi abitanti: i negozi rimangono deserti, con inquietanti manichini nudi e la sporcizia, in strada, aumenta sempre di più, perchè gli spazzini (dopo la polizia e i vigili del fuoco) se ne sono andati in massa.

Il reporter polacco, che ogni sera manda dispacci all'agenzia stampa per cui lavora, ci racconta come di consueto i 'retroscena' di un momento storico, come in tutti i suoi libri. Come appunto uno 'storico dle presente', lui è l'unico europeo dell'est a essere presente sul luogo dei fatti, mentre avviene la storia. E la storia, da buon giornalista, ce la racconta attraverso le vite di coloro che ne sono coinvolti.

Dagli ospiti dell'albego ai negozianti in fuga, ai soldati dell'esercito di liberazione, ognuno ha la sua verità: suggestivo in questo senso l'intarsio, nella narrazione, del discorso indiretto dei vari personaggi. "Abbiamo 100 tribù da trasformare in una nazione. Quanto ci vorrà? Nessuno può dirlo. Dobbiamo disabituare la gente all'odio", dice uno dei partigiani 'guerriglieri'.

Kapuscinski decide infatti di visitare il 'fronte' passando per posti di blocco con sentinelle annoiate e nei quartieri, ormai abbandonati, dei ricchi, dove ci sono file di Chevrolet, Alfa Romeo e Jaguar ormai abbandonate. E poi c'è lei: la guerrigliera Carlotta, una 'leggenda' a soli vent'anni per essere riuscita a mettere in salvo un intero battaglione di uomini.

E' la ragazza che appare nella copertina del libro, che sorride in posa come una soubrette vestita in mimetica, e imbracciando un fucile. E che morirà poch ore dopo quella foto, proteggendo fino in fondo il reporter e altri tre giornalisti portoghesi a cui era stata affidata come scorta armata. Leggete questo libro (e gli altri dell'autore) se avete voglia di vivere in presa diretta gli ambienti in cui è avvenuta la storia del secolo scorso. Non vi annoierete, anche se non amate i reportage: questa storia ha davvero il respiro di un romanzo.

Ryszard Kapuscinski
Ancora un giorno
Feltrinelli
11 euro

  • shares
  • Mail