Salone del libro di Torino: intervista al manager della Kobo Dave Anderson

Al Lingotto Fiere di Torino durante il Salone del Libro, è stato presentato il nuovo e-reader di casa Kobo; si chiama Aura HD e siamo andati a vedere di cosa si tratta insieme al manager dell'azienda canadese, ecco l'intervista esclusiva per Booksblog.

Novità e-reader 2013 Kobo Aura HD
L'offerta dei supporti per la lettura digitale è sempre più corposa e scegliere il supporto più adatto a noi diventa impresa ardua; essendo il filone uno dei traini principali dell'industria editoriale, anche al Salone del Libro l'attenzione sugli e-readers e connessi è massima. Siamo andati a vedere l'ultimo nato in casa Kobo, si chiama Aura HD ed è stato presentato nella prima giornata della manifestazione torinese; dove è possibile acquistarlo con due titoli in omaggio allo stand dedicato in fondo al padiglione 2. Ma di cosa si tratta nello specifico? Siamo andati a chiederlo direttamente al general manager della canadese Kobo, Dave Anderson giunto a Torino dalla sede di Toronto:

Domanda - Che cosa differenzia Aura HD dagli altri e-reader sul mercato?
Risposta - L'Aura HD ad oggi è il più piccolo e-reader disponibile per gli utenti, un oggetto pensato su misura per il pubblico. Abbiamo chiesto ai lettori come avrebbe dovuto essere il loro e-reader ideale; sono di norma persone che leggono 4 libri alla settimana, significa centinaia all'anno, e il loro punto di vista è per noi essenziale. Sulla base delle loro esigenze, abbiamo creato un nuovo prodotto che può contenere fino a 30 mila titoli.

D - Secondo le vostre ricerche, chi è il lettore tipo che utilizza un e-reader?
R - Di norma l'e-reader è un supporto di alto livello, e viene utilizzato da persone che dedicano molto tempo alla lettura; direi che la fascia d'età è ormai estesa tra i 25/30 anni e i 60/65 anni, anche se sono di più quelli di età avanzata in generale. Comunque più di fascia d'età parlerei di tipologia di persone, ovvero grandi amanti del leggere che ad esso dedicano gran parte del proprio tempo libero.

D - Che cosa avete pensato per raggiungere o coinvolgere anche le persone meno interessate alla lettura?
R - Direi che il plus di Aura HD, la cosa che lo avvicina al maggior numero di utenti, è il catalogo; abbiamo milioni di titoli a cui accedere subito, anche il lettore saltuario può trovare un argomento di suo gusto e poi approfondirlo con ulteriori letture collaterali, che si conservano in archivio grazie alla memoria fino a 32 GB

D - Come nasce il suo design particolare?
R - Questi secondo me sono altri due vantaggi, l'aspetto e la manovrabilità. E' piccolo e leggero per essere trasportato facilmente e puoi tenerlo senza fatica in una mano. Per aumentarne la capacità di presa poi, abbiamo pensato a una schiena a zig zag e infine abbiamo scelto una palette di colori che lo rendesse appetibile esteticamente: bianco, nero e "espresso".

Riassumendo: il Kobo Aura HD ha un design discreto e understatement, pare maneggevole e comodo, lo schermo Pearl E Ink senza riflessi e la ComfortLight con illuminazione regolabile promettono occhi sereni e il suo eBookstore contiene più di 3 milioni di titoli. Mi chiedo se basterà tutto questo a conquistarmi e a farmi accantonare l'atavico amore per la carta stampata; ma prima di rispondere devo toccare con mano e leggerci come minimo un paio di libri; ve lo saprò dire prestissimo, con tanto di recensione dettagliata sulle funzioni e sulla disponibilità dei titoli in italiano, restate sintonizzati!

  • shares
  • Mail