Lucy, di Jamaica Kincaid

kincaid"Mariah, ma ti rendi conto che a 10 anni ho dovuto imparare una lunga poesia su certi fiori che non avrei mai visto in vita mia fino ai 19 anni?". A parlare è Lucy, la protagonista dell'omonimo (bellissimo) romanzo breve di Jamaica Kincaid, pubblicato in economica Adelphi, che vi consigliamo di leggere, come altri titoli editi da questi tipi che già vi abbiamo segnalato.

Ci ritroviamo quindi ad ascoltare le parole della scontrosa Lucy, che giovanissima va a servizio presso una famiglia di ricchi. Lucy che a 19 anni non ha mai visto la primavera, abituata al clima della sua isola delle Antille, e che scopre per la prima volta, a sorpresa, cos'è la nostalgia (incredibile, pensa, aver nostalgia di un letto troppo corto per lei, o di stare con gente da cui è voluta sfuggire, 'perchè ogni minimo gesto suscitava in lei furore').

Ma i posti nuovi che scorrono davanti agli occhi di Lucy sono diversi da come li aveva sognati: anche nel 'nuovo mondo' c'è sporcizia, e monotonia. E tutto le ricorda qual è la sua 'posizione' nella scala del mondo. E la fiera Lucy tenta una impossibile rivalsa nei confronti della sua padrona, la dolce Mariah, madre di quattro figlie, che cerca in ogni modo di comunicare con lei.

E nel tempo libero della nuova vita 'a servizio', Lucy intreccerà relazioni sentimentali, e passerà le domeniche senza far niente con la sua migliore amica Peggy, mentre le lettere che le spedisce sua madre, mai aperte, giacciono sul suo comodino. Una madre a cui lei non perdonerà mai di non aver creduto nella sua intelligenza, di non aver fatto nulla per farla studiare, al contrario dei figli maschi.

Nel frattempo, la vita matrimoniale di Mariah e del marito va a pezzi per il motivo più banale, sotto i suoi occhi. E verrà il momento di separarsi anche da lei. Per poi scoprire, dopo appena un anno, di avere vent'anni, conclude Lucy, e di non riuscire a vedere più sul proprio volto il minimo segno di innocenza.

Jamaica Kincaid
Lucy
Adelphi
11 euro

  • shares
  • Mail