Giacomo Casanova: gli ultimi anni visti da Sebastiano Vassalli

Copertina del libro Dux di Sebastiano VassalliSi parlava su Booksblog della sceriffata di Casanova con tutte le mirabolanti conseguenze descritte dallo stesso Casanova nel libro Il duello. Ho, così, ripreso dalla mia biblioteca Dux di Sebastiano Vassalli che narra gli ultimi anni di vita di Giacomo Casanova trascorsi in Boemia, nel castello di Dux, appunto (oggi Duchcov), a fare da bibliotecario nel castello del conte di Waldstein.

Sebastiano Vassalli romanza gli anni di Casanova che vanno dal 1785 alla morte – avvenuta nel 1798 – e ci mostra come il grande seduttore sia ormai diventato un attaccabrighe antipatico che trasforma piccole questioni (come dei litigi condominiali) in una lite annosa e sfibrante. E così tra amoreggiamenti vari, scritture di libri in un medio francese (che se li avesse scritti in italiano sarebbero, forse, state delle belle pagine della nostra letteratura del Settecento), piccoli scandali, Casanova si avvia alla morte.

Fa quasi tenerezza vedere questo grande amatore ridotto ad una macchietta. E Vassalli, corroborato dai documenti e dal suo scrivere (che è tra i migliori nel nostro panorama letterario), narra con arguzia le vicende del vecchio Casanova. E, in filigrana, possiamo leggervi alcuni aspetti della nostra italianità.

Sebastiano Vassalli
Dux. Casanova in Boemia
Einaudi 2002
60 pp., euro 6

  • shares
  • Mail