Repubblica consiglia un libro per l'estate

libri per l'estate
Siamo a luglio, si avvicinano le ferie e come è ovvio ci si inizia a guardare intorno, a chiedere agli amici, a cercare su riviste e giornali a rivolgersi ai librai, "ma quale libro mi consiglia da portare in vacanza?". Il sito di Repubblica ha pubblicato una serie di consigli di giornalisti e scrittori, ognuno dei quali è stato invitato a scegliere un libro, uno solo, da suggerire come compagno di vacanza.

La lista è eterogenea e quantomai varia, si passa dai grandi classici, come La Coscienza di Zeno di Italo Svevo, consigliato dal neo-premio Strega Tiziano Scarpa, a Necropoli di Boris Pahor, bello e truce libro sull'esperienza nei campi di concentramento dello scrittore italo-sloveno, ma si leggono anche i nomi di Deaglio e dei suoi saggi sull'Italia degli ultimi vent'anni fino agli intramontabili racconti di Edgar Allan Poe.

E voi? Che libro vi porterete in vacanza? E quale consigliereste? Io sono ancora indeciso sul libro che dovrà accompagnare la mia estate milanese, diciamo che oscillo tra un classicissimo Conte di Montecristo di Alexandre Dumas, un intrepido Tigri di Mompracem di Emilio Salgari (in accoppiata con La Freccia Nera di Stevenson) o il Moby Dick di Melville che da qualche estate sto puntando... In ogni caso so già cosa consigliare per passare un estate letterariamente indimenticabile: Il Don Chisciotte di Cervantes, lo leggerete in due settimane e non ve ne pentirete.

Via | Repubblica
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail