Al Salone del Libro di Torino si incontra tutto il mondo

Al Salone del Libro di Torino si potranno incontrare libri e autori di tutto il mondo: ospite d’onore, infatti, è il Cile, ma sono presenti anche l’Albania, l’Arabia Saudita, la Finlandia, la Guinea, la Lituania, il Perù e la Romania.

Al Salone del Libro di Torino si incontra tutto il mondo

L’edizione 2013 del Salone del Libro di Torino vede come paese ospite d’onore il Cile. Ma non è l’unico paese estero a essere presente. Oltre al Cile, infatti, sono presenti al Salone di Torino l’Albania, l’Arabia Saudita, la Finlandia, la Guinea, la Lituania, il Perù e la Romania.

Inoltre, grazie all’Ibf – International Book Forum, vale a dire è la business area del Salone dedicata allo scambio di diritti editoriali per la traduzione e l’adattamento cinematografico e televisivo, interverranno circa seicento operatori professionali dell’editoria, tra cui oltre duecentocinquanta provenienti da ventiquattro paesi come la Grecia, l’Egitto, la Cina, la Corea, il Giappone, gli Stati Uniti d’America

Il Salone del libro poi è anche l’occasione per conoscere più da vicino l’editoria di alcune regioni italiane: infatti sono otto le regioni presenti con un proprio spazio espositivo: Abruzzo, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Umbria e Veneto. A queste va aggiunta la Calabria, regione ospite dell’edizione 2013.

Calabria, regione ospite

L’edizione 2013 del Salone di Torino vede il debutto della Regione Ospite che, come dicevamo, è la Calabria la quale si presenta a Torino con un fitto programma di scambi ed eventi culturali: dall’editoria alla cultura materiale, dalle scuole ai beni culturali al turismo. Dicono gli organizzatori:

L’idea di dedicare un focus particolare ogni anno a una diversa regione italiana, con i suoi autori, la sua industria editoriale, i suoi beni culturali e librari, è nata immediatamente all’indomani del Salone 2012 dall’assessore alla Cultura del Piemonte Michele Coppola e dal suo omologo della Calabria Mario Caligiuri, che è anche il coordinatore nazionale degli assessori regionali alla Cultura.

Una nota per il grande stand della regione Calabria: ospiterà un bookshop innovativo con un distributore automatico di ebook.

Cile, paese ospite d’onore

Come abbiamo avuto modo di sottolineare, è il Cile il paese ospite d’onore del Salone del Libro di Torino quest’anno:

A quarant’anni dal colpo di stato di Pinochet e dalla morte di Pablo Neruda, la cultura del Cile, Paese ospite d'onore al Salone 2013, è più viva e seguita che mai. Per i lettori italiani ha un suono famigliare: evoca incontri e scoperte epocali, autori di culto che sono diventati parte della nostra sensibilità per la capacità di combinare l'originalità espressiva e la forza immaginifica della parole con una forte tensione civile. Quella cilena è sempre stata una letteratura costretta ad essere militante, a misurarsi frontalmente con la realtà, a difendere i propri spazi, a battersi contro emarginazioni e repressioni, ad affrontare la via dell’esilio. Costretti al nomadismo ma fortemente radicati nella loro storia, gli scrittori cileni si sono conquistati un’identità che li ha resi popolari in tutto il mondo, da Antonio Skármeta a Isabel Allende.

Guinea, ospite speciale

Non solo Cile, però. C’è anche la Guinea che presenta la propria candidatura quale Ospite d’onore per il 2014.

Il progetto OnGuinea è curato dall’Associazione italo-guineana in collaborazione con il Ministero della cultura e del patrimonio storico della Guinea, il Ministero degli affari esteri e dei Guineani all’estero e il Ministero del Turismo della Guinea. Numerosi gli incontri con personalità guineane fra cui l’ex ministro dell’informazione e comunicazione Justin Morel Junior, scrittori, giornalisti, antropologi. Fra i temi affrontati: la cultura orale, le guerre, la cultura come motore di sviluppo per l’Africa. Letture, poesia e musica e sabato 18 alle 21, per il Salone Off, al Jazz Club di via Giolitti 30 concerto dei Ba Cissoko, uno dei gruppi musicali guineani più famosi nel mondo.

  • shares
  • Mail