Storie del Seicento: il calzolaio quacchero e il finto cadì di Stefano Villani

Copertina del libro "Il calzolaio quacchero e il finto cadìâ�� di Stefano VillaniAgile libretto questo di Stefano Villani edito da Sellerio e che ha per titolo Il calzolaio quacchero e il finto cadì. Si ricostruisce la storia di George Robinson, quacchero inglese, che nel 1657 partì alla volta di Gerusalemme “per predicare ai turchi e ai papisti”. Il suo viaggio fu tempestato di disagi dal momento che il suo modo di vivere la fede cristiana – da quacchero, appunto, quindi riconoscendo importanza normativa alla luce interiore e non già ad agenti esterni di qualunque natura – creò imbarazzo in tutti quelli che incontrava (in Italia, a Malta, a Gerusalemme). I frati di Gerusalemme, però, non sapendo come sbarazzarsene inscenarono un inganno: travestirono da cadì (cioè da magistrato dell'amministrazione islamica, preposto alla giustizia e investito anche di autorità religiosa) un servo arabo del convento e fecero rimpatriare George Robinson.

Un testo interessante che da un lato evidenzia lo zelo di un rappresentante di un credo “minoritario” e, dall'altro, pone in luce il potere della chiesa “di maggioranza” che riduce al silenzio chi ha idee diverse.

Stefano Villani, ricercatore presso la Normale di Pisa, ha pubblicato altri libri sull'argomento, tra cui segnaliamo l'approfondito Tremolanti e papisti. Missioni quacchere nell'Italia del Seicento (Roma, Edizioni di storia e letteratura 1996) e I Quaccheri contro il Papa. Alcuni pamphlet inglesi del '600 tra menzogne e verità (Firenze, Olschki 1998).

Stefano Villani
Il calzolaio quacchero e il finto cadì
Sellerio 2001
pp 76, euro 7,00

  • shares
  • Mail