Battle Royale, di Koushun Takami. Libro stra-cult giapponese in arrivo in Italia. Il sangue scorre a fiumi, ma i vampiri, stavolta, non c'entrano

battle royale takami libro pulpBattle Royale di Koushun Takami è un bestseller di culto in Giappone, che - già tradotto in alcuni paesi di lingua inglese - arriva ora anche in Italia, portato da Mondadori.

Dal romanzo sono stati tratti film, manga e videogiochi di contenuto molto forte e controverso, che hanno, però, ricevuto accoglienza entusiastica da parte del pubblico tardo-adolescenziale e adulto. Battle Royale, che è un romanzo distopico, ci trasporta in una "Repubblica" Asiatica (formata essenzialmente da Giappone e Cina) di stampo totalitario. Tra le varie forme di gestione distorta del potere c'è il Programma. Un "evento", della durata di 3 giorni, a cui classi di ragazzi delle scuole superiori, scelte a caso, vengono "chiamate" a partecipare (con motivazioni che è interessante non anticipare).

Questo "evento" prevede il trasferimento della classe su un'isola. Lì, vengono consegnate mappe, bussole e generi di sostentamento. Ma non solo. L'"amministrazione" consegna ai ragazzi armi di tutti i tipi e mette loro al collo un... collare esplosivo. Alla fine dei 3 giorni, solo uno di loro tornerà a casa. Gli altri dovranno essersi tutti uccisi a vicenda. Senza nessuna eccezione. Con la consapevolezza (che pian piano sopraggiunge) che: se si trovano nel luogo sbagliato al momento sbagliato, il collare esplode, se tentano di scappare, il collare esplode, se fanno gruppo per tentare di organizzarsi, il collare esplode. Se nessuno muore in 24 ore, il collare esplode. Se alla fine, più di un giocatore rimane vivo, il collare esplode.

Dall'orrore iniziale per l'idea, anche solo accennata, di dover far del male ad uno dei 42 compagni di classe (21 femmine e 21 maschi), gli studenti saranno costretti, sotto una pressione crescente e micidiale, a trasformarsi progressivamente (e con percorsi psicologici diversi, ottimamente resi) in disperate e spietate macchine da guerra, il cui unico scopo è sopravvivere.

Scritto molto bene, fortemente allegorico (anche se l'allegoria riguarda il sistema giapponese e a noi, forse, può interessare meno), associabile, molto alla lontana e con motivazioni diverse, al Signore delle Mosche di Golding, Battle Royale fa un notevole lavoro sui personaggi e sulle loro componenti psicologiche ed emotive, colte mentre l'orrore della situazione si palesa, cresce e si rivela nella sua mostruosità.

Il libro di Takami, al di là del contenuto splatter, è un testo crudo, proprio per come sono costruite le scene e per come vengono veicolati i pensieri. E' un libro che, oltre a "far venire i brividi", porta anche alla riflessione, perchè, in modo estremamente efficace, l'autore punta dritto al cuore della natura umana e ne segue i "movimenti".

Un'opera che vale davvero la pena di leggere, sia per chi cerca un romanzo forte e "sconvolgente", sia per chi cerca un "saggio" sulla natura umana... consapevole che resterà, comunque, sconvolto. E che, lo voglia o meno, non vedrà l'ora di arrivare al capitolo successivo per sapere, dal computo dei vivi e dei morti, chi sarà sopravvissuto e chi no.

Battle Royale (Batoru rowaiaru)
Koushun Takami
Mondadori
€ 9,00
Data di uscita: 7 luglio
Il libro è sconsigliato ai lettori troppo giovani e alle persone particolarmente sensibili.

Locandina del film:
Nota: un romanzo, in qualche modo "avvicinabile" a Battle Royale, è il libro stra-cult americano, Hunger Games (se ne parla QUI).

Monica Cruciani alias AyeshaKru scrive di fantasy e fantastico in generale, principalmente di urban fantasy & paranormal romance, sia per young adults che per adulti. Potete trovare qui gli ULTIMI ARTICOLI e qui lo SCHEMA delle serie in corso.
  • shares
  • Mail