I Guerrieri del Silenzio, di Pierre Bordage. Space opera alla francese, con un occhio ad Asimov, Dune, Hyperion, Guerre Stellari, Star Trek e Battlestar Galactica

E' in libreria I Guerrieri del Silenzio, spettacolare romanzo d'esordio di Pierre Bordage, vincitore del Grand Prix de l’Imaginaire e del Prix Julia Verlanger, che Fanucci porta in Italia proprio in questi giorni.

Scrittore visionario e narratore potente, Bordage è uno dei grandi autori della fantascienza francese contemporanea. I Guerrieri del Silenzio, primo di una trilogia, è un romanzo di space opera di ampio respiro, pieno di azione, avventura e suspance, ma anche ricco - senza mai appesantire la trama (e quindi non disturbante per chi non desidera cercare sottotesti e significati al di là del racconto) - di spunti filosofici, antropologici, sociologici, psicologici, politici, tecnici, religiosi, spirituali e anche... poetici. La trilogia richiama alla mente molti autori ed opere di fantascienza del passato e del "presente" (su carta e in video), tra questi, il ciclo di Hyperion di Simmons, il ciclo della Fondazione di Asimov, Dune di Herbert, Battlestar Galactica, Guerre Stellari, Star Trek, Andromeda, Firefly/Serenity - per citarne solo alcuni -, ma l'elaborazione di Bordage è, comunque, assolutamente originale. Anche il suo è un universo complessissimo e le vicende che in esso si svolgono costruiscono una trama veramente articolata e ricca.

Antefatto e costruzione (per sommi capi): siamo in un futuro lontano. L'umanità ha abbandonato la terra (Terra Mater) da molto tempo, anche se nessuno ricorda più il perchè.

Ora, gli esseri umani vivono su un centinaio di pianeti, governati autonomamente, ma sotto l'autorità di una Confederazione. La Confederazione, da sempre istituzione democratica, ad un certo punto, a causa della presenza e delle oscure manovre di misteriosi umanoidi telepati venuti da un mondo lontano, gli Scaythe di Hyponeros, si corrompe. Tramando dietro le quinte e ordendo un gigantesco complotto, gli Scaythe, infatti riescono a trasformare la Confederazione in un Impero. In seno al quale prende il sopravvento la religione di Kreuze, dogmatica e fondamentalista, che contempla, tra i suoi sistemi di controllo e coercizione, anche il lavaggio del cervello di massa. A questo orrore crescente gli unici che possono sperare di opporsi sono alcuni Maestri, esperti di un'antica scienza che esercita una forma altissima di potere mentale.

Ne I Guerrieri del Silenzio vediamo gli Scaythe che, scoperta l'identità dei Maestri di questa potente scienza, tentano di eliminarne tutti i portatori. Quando fanno uccidere uno degli ultimi, la figlia, Aphykit, anch'essa capace di padroneggiare i poteri mentali, fugge.

Con l'aiuto di un (per ora) oscuro piccolo dipendente di un'agenzia di viaggi interplanetari, la ragazza riesce ad arrivare sul pianeta in cui sono esiliati i criminali e i dissidenti politici e dove vorrebbe incontrare uno dei Maestri sopravvissuti. Ma arriva tardi: il Maestro viene ucciso e lei viene catturata e venduta al mercato degli schiavi. Tixu Oty, l'impiegato - che era rimasto folgorato dalla bellezza della ragazza - dopo essere sfuggito fortunosamente alla morte e aver scoperto di avere inaspettati poteri, riesce a liberarla. Ma sopraggiungono i Cavalieri dell'Ordine Absourate - un potente gruppo che padroneggia anch'esso alcuni poteri mentali - che prende in carico Aphykit e la porta con sè.

Ma il nuovo imperatore della Galassia, sostenuto dagli Scaythe, che temono chiunque abbia poteri mentali, ordina la distruzione del monastero e l'uccisione di tutti i Cavalieri dell'Ordine Absourate. Tixu, l'ex impiegato, salva di nuovo Aphikti che - scopriamo - è l'ultima depositaria dell'antica scienza dei Maestri, l'origine di tutte le facoltà mentali, quella che gli Scaythe veramente temono.

Tixu e Aphikti, dopo varie vicissitudini arrivano a Terra Mater, dove trovano uno degli ultimi abitanti del pianeta. Che si unisce a loro. Da qui in poi comincia la costruzione del gruppo e l'epopea dei dodici Guerrieri del Silenzio, quelli che avranno il compito di contrastare il regime totalitario degli Scaythe e salvare la Galassia dall'orrore e che avranno come base operativa proprio Terra Mater, l'antica Terra dimenticata.

Trilogie des Guerriers du Silence

  • Les Guerriers du Silence, 1993 (I Guerrieri del Silenzio)

  • Terra Mater, 1994

  • La Citadelle Hyponéros, 1995

Les Guerriers du Silence ha vinto il Grand Prix de l’Imaginaire e il Prix Julia Verlanger; La Citadelle Hyponéros, il Prix Cosmos 2000.

Pierre Bordage
I Guerrieri del Silenzio
Fanucci Editore (collana TIF Extra)
€ 14,90 (12,50 fino al 15/6)

  • shares
  • Mail