200mila euro in meno per la Fiera del libro di Torino

torre dei libri fiera del libro di torino Dal 14 al 18 magio, al lingotto di Torino va in scena la ventiduesima edizione della Fiera del Libro di Torino, la più importante kermesse letteraria della primavera italiana, sempre attesissima, sia dai suoi sostenitori sia dai suoi detrattori (entrambe le categorie abbondano nel numero). Quest'anno, oltre alla polemica sulla presenza, in qualità di ospite d'onore, dell'Egitto, la Fiera si troverà a fare i conti con i tagli dei finanziamenti e degli sponsor, conseguenza diretta della crisi economica che stiamo vivendo.

Più o meno si parla di 200mila euro in meno, neanche troppi soldi dunque, soprattutto per un marchio che orami, dopo più di vent'anni di carriera, vale oltre 2milioni di euro. E infatti i tagli non avranno ripercussioni sul programma, come al solito molto ricco, né sugli invitati, sempre numerosi e di altissimo spessore, sarà piuttosto l'aspetto scenografico a pagare dazio a questi tagli. In particolare sarà la celebre torre di libri di Confinò, dalla potenza scenografica sicuramente elevatissima a sparire, il cui costo di allestimento arriva a 50mila euro, soldi che, più che giustamente, gli organizzatori hanno deciso di risparmiare.

Via | Repubblica.it
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail