Il Viaggio dell'Elefante, di José Saramago

E' arrivato da pochi giorni in Italia Il Viaggio dell'Elefante, del portoghese José Saramago, uno dei grandi scrittori del nostro tempo, premio Nobel per la letteratura 1998 ("con parabole sostenute da immaginazione, compassione e ironia ci permette ancora una volta di afferrare una realtà illusoria").

Il romanzo racconta le vicende che ruotano attorno all'elefante Salomone. Siamo a metà Cinquecento e un elefante viene portato in Portogallo dalla misteriosa India. Dopo l'ammirazione iniziale, però, l'animale diventa una presenza inutile e i sovrani portoghesi, Joào III e Caterina d'Austria, decidono di regalarlo al cugino, l'arciduca Massimiliano d'Austria che, in quel momento, si trova in Spagna nella sua funzione di reggente. Dal momento in cui il regalo viene accettato cominciano i complessi preparativi per il viaggio.

Un viaggio che porterà l'animale dall'ovest estremo dell'Europa al suo cuore, cioè dal Portogallo all'Austria, partendo da Lisbona e passando per i confini della Spagna, per Valladolid, Genova, Mantova, Verona, Padova, Innsbruck, fino ad arrivare a Vienna, dove risiede Massimiliano e dove l'elefante compirà un gesto molto bello.

In un romanzo di grande bellezza - al quale Saramago ha lavorato negli ultimi 10 anni e che è un incrocio tra fiaba e cronaca - viene raccontato questo lungo e avventuroso viaggio (realmente avvenuto nel 1551, ai tempi della Riforma Luterana), che vide una tra le "carovane" più singolari che la storia europea ricordi; una "carovana" composta da un elefante col suo custode Subhro e da un gruppo di individui completamente diversi l'uno dall'altro: ufficiali, soldati, servitori, preti, personaggi veri, personaggi inventati, folla entusiasta; persone le cui storie comporranno, passo dopo passo, un mirabile romanzo corale.

José Saramago
Il Viaggio dell'Elefante, 2008
Einaudi
€ 19,00


Area Fantastico

e Storico-Avventurosa
  • shares
  • Mail