Il libretto rosso dei partigiani: manuale di sabotagio e guerriglia antifascista

partigianiLa Purple Press ha fatto arrivare in libreria, giusto in tempo per la celebrazione del 25 aprile, "Il libretto rosso dei partigiani". Una sorta di manuale di resistenza, sabotaggio e guerriglia antifascista. In realtà è la ristampa curata da Cristiano Armati (con introduzione di Ferruccio Parri) di una raccolta clandestina messa in circolazione nel novembre 1943 da un gruppo della Resistenza romana, che istruiva a sabotare la macchina bellica hitleriana. "Un invito truccato sotto la copertina dell'orario ferroviario ufficiale", scrive Ferruccio Parri nell'introduzione".

Dunque un ventaglio di nozioni indispensabili per opporsi alla brutalità delle SS e delle Camicie nere: dalla manomissione delle vie di comunicazione alla distruzione delle derrate alimentari destinate al nemico. Un indice di graffianti parole d'ordine per "far sentire la nostalgia ai tedeschi". Quelli per i quali gli italiani erano "carne da produzione! Carne da cannone!". Gli stessi che sembravano non averne mai abbastanza... di carne. E siamo solo alla quattrodicesima pagina quando leggiamo:

"Noi sappiamo come i nazisti hanno trattato ieri i civili. Sappiamo come li trattano oggi. Ma come li tratteranno domani? Non c'è da farsi illusioni. Basta pensare come hanno trattato noi italiani in Russia ed in Africa quando ci si diceva "alleati". [...] Basta pensare a come il tedesco tratta l'amico per immaginare come tratta il nemico".

(a cura di) Cristiano Armati
Il libretto rosso dei partigiani
Purple press
Pagine 128
€ 9,90

  • shares
  • Mail