Annunciato per fine mese il nuovo romanzo dei Wu Ming, Noi saremo legione

noi saremo legione wu ming Dopo aver smosso, e non poco, il panorama letterario italiano con il loro saggio-pamphlet sulla New Italian Epic, il collettivo di scrittori più famoso d'Italia, i Wu Ming, tornano in libreria con un nuovo romanzo, edito come sempre da Einaudi nella collana Stile Libero e dal titolo "Noi saremo legione" che proprio dalla poetica NIE prende le mosse.

Stando alle anticipazioni il romanzo (sempre non si tratti di un pesce d'aprile) non è ascrivibile in modo certo e netto ad un genere particolare, ma d'altra parte ormai a queste cose ci siamo abituati, in ogni caso la melodia predominante sembra essere il tetro rintoccare dell'horror, genere che in Italia può contare su un grande numero di appassionati, ma su uno non folto numero di buoni autori.

Parte quindi il conto alla rovescia, sia per gli appassionati che per i critici, gli uni per iniziare a godere dei viaggi narrativi Wuminghiani, gli altri per iniziare a sezionare il libro in ogni sua parte e per cominciare una bella litigata. Perché se una cosa si capisce di questo libro è che dovrà passare dalle forche caudine alla sua uscita: da una parte i critici entusiasti (da Giuliano Genna a Loredana Lipperini), dall'altra quelli con il coltello tra i denti, (da Fabrizio Rondolino a Filippo La Porta), mentre noi, comuni lettori ignorati dall'una e dall'altra parte, nel frattempo, ne aspettiamo frementi l'uscita.

Wu Ming
Noi Saremo Legione
Einaudi Stile Libero
euro 16,50

Via | Malpertius

  • shares
  • Mail