1984 di Orwell: averlo letto è una bugia

libro falsoIl bello della bugia è che non ha confini, è apolitica e capace di allineare geograficamente le culture, annullare le distanze e farci sentire insomma tutti dei grandi fratelli. Dico questo perché si è sparsa la voce che i britannici sono dei bugiardi. O meglio, chiarisco: il 42% degli inglesi dichiara il falso quando dice d'aver letto alcuni classici. Non se ne conosce il motivo.

Partendo dalla Giornata mondiale del libro, è stato dato in pasto ai lettori più curiosi che il capolavoro di George Orwell, dal titolo "1984" è il libro che maggiormente sbugiarda due terzi degli inglesi. Basta chiedergli la trama o qualche dettaglio per capire che non l'hanno neppure sfogliato; ma è tra i titoli che sembra far cultura, che pare dare il senso e la misura del sapere. Stando al sondaggio svolto dal sito del Worl Book Day per la Gran Bretagna e l'Irlanda, fa compagnia a Orwell "Guerra e pace" di Lev Tolstoy (31%), "Ulisse" di James Joyce (25%) e la "Bibbia" (24%). La domanda mi nasce spontanea: vi sarà capitato di fingere d'aver letto qualcosa per far colpo sul vostro capo a lavoro o sulla vostra dolce metà in fase di conquista, in quale titolo vi siete rifugiati e poi l'avete (magari) letto?

  • shares
  • Mail