"Venere e il drago": capolavori degli Uffizi raccontati ai ragazzi

venere drago arteChe ci fanno insieme Venere, la più bella e famosa delle dive bianche nata dai testicoli di Urano, e il drago nero che nel quadro di Piero di Cosimo abita un lago in Etiopia e divora tutto ciò che incontra? E perché mai è una musicista nera, con il suo magico strumento, a festeggiare la disfatta del mostro? A queste (e molte altre) domande risponde "Venere e il drago", libro di Amyel Garnaoui che rimane un evergreen per l'editore Gallucci.

Indicato dai 7 ai 99 anni, continua a mietere successi in tutti quelli che vogliono divertirsi a smontare 8 capolavori rinascimentali del più importante museo del mondo, gli Uffizi di Firenze. Rappresentano l'evoluzione della pittura. Dalle tavole del gotico (Simone Martini e Gentile da Fabriano) alla prospettiva e la luce del rinascimento, fino al realismo del tardo '500 con Caravaggio. Ci pensa la storica a puntare il dito sui loro particolari per svelarne le storie.

È un altro modo di guardare la pittura. Volendo venir meno al silenzio che li avvolge nei musei. Facendoli diventare “amici con le cornici” che non chiedono altro di essere osservati con affetto.
Perché Paolo Uccello o il Botticelli ci hanno parlato e continuano a parlarci con le loro opere.

Amyel Garnaoui
Venere e il drago
Gallucci editore
pagine 73
prezzo: euro 15,00

  • shares
  • Mail