L'amore bugiardo, il thriller dell'anno arriva in Italia

E'stato nominato dal Guardian come uno, se non il, thriller più interessante del 2012; il titolo italiano è L'amore bugiardo, terza e riuscitissima opera di Gillian Flynn (appena uscito per Rizzoli alla venerabile cifra di 18 euro) mentre il titolo originale è Gone girl.

Perchè la storia tratta appunto di una scomparsa, improvvisa quanto inacettabile e misteriosa; e manco a dirlo i sospetti si annidano intorno al di lei marito, Nick, che con Amy la moglie si alterna nel racconto in soggettiva.

Ma questo direi, è solo un pretesto -per quanto riuscito- per raccontare i meccanismi relazionali di una coppia americana, i Dunne, nati negli anni '70; è l'avvincente cronaca, incomprensione dopo incomprensione, dei gap comunicativi tra due che hanno conosciuto l'ultimo barluginìo dell'età dell'oro del business. Giusto in tempo per sposarsi e fare grandi progetti, che la mannaia della crisi del 2008 troncherà improvvisamente. Dalla Manhattan rampante ecco il trasferimento in una suburbia qualsiasi (per lei) ma pregnante per lui, che in fondo lì, c'è cresciuto; Amy, newyorkese purosangue, vive il tutto come una punizione. Per non essere stata abbastanza "brava" a capirlo, lui pur amandola, non riesce proprio a comprenderla; più che altro pare temerla.

E puf, ecco la sparizione; come andrà a finire? Secondo il New York Times la Flynn ti traghetta implacabile tra le cattiverie sottili (molto più sottili che nella Guerra dei Roses) che all'estremo, possono condurre a un omicidio. Ma anche no.

  • shares
  • Mail