La piramide del destino - William Dietrich

E’ in libreria dal 29 gennaio “La piramide del destino” del premio Pulitzer William Dietrich.

Se Bernard Cornwell, acclamato autore di romanzi storici e d’avventura – sua la rinomata serie su Richard Sharpe - definisce il libro “Un’avventura magnifica, attraversata da una vena di mistero... Un romanzo da non perdere”, se USA Today lo definisce “Un romanzo storico stupefacente” e Publishers Weekly “Un’avventura storica ricca di enigmi, eroismo e adrenailina” e se, dopo la sua uscita in America è stato acquistato in 22 Paesi, possiamo legittimamente pensare che “La piramide del destino” sia decisamente un buon lavoro.

Quarta di copertina:
Parigi, 1798. La Francia post-rivoluzionaria, turbolenta e vivace, è il luogo ideale per Ethan Gage, giovane americano amante del rischio e del gioco d’azzardo. E proprio durante una partita a carte accade qualcosa che cambia drasticamente la sua esistenza: Ethan vince un medaglione antico, forse appartenuto a Cagliostro, il quale lo faceva risalire addirittura a Cleopatra.

Da quel momento, però, su di lui si abbatte una serie di sventure, come se quel misterioso pendente portasse con sé una sorta di maledizione. Ethan viene anzitutto accusato di aver barbaramente ucciso la prostituta con cui ha trascorso la notte successiva alla partita vittoriosa, poi è costretto a cercare rifugio presso alcuni amici che non si rivelano affatto tali e infine è spinto ad unirsi alla spedizione in Egitto organizzata dal giovane generale Napoleone Bonaparte.

Ma il suo viaggio sarà tutt’altro che un’erudita escursione tra le vestigia di un’antica civiltà, al seguito di un uomo deciso a entrare nella Storia. Altrettanto deciso ad impossessarsi del medaglione - chiave misteriosa per accedere ad ancor più misteriose conoscenze - un oscuro personaggio, infatti, lo segue da vicino e non esiterà a ricorrere a mezzi di rara crudeltà pur di raggiungere il suo scopo…

William Dietrich
La piramide del destino
Editrice Nord
€ 18,60

  • shares
  • Mail