L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello di Oliver Sacks

Copertina L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello Già il titolo è abbastanza intrigante e basta da solo a convincere ad aprire il libro e a cercare di capire di quale strana metafora si tratti. L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello è il primo di una raccolta di casi clinici raccolti dal neurologo Oliver Sacks e pubblicati da Adelphi nel 1986.

La scoperta è che il titolo non si riferisce ad alcuna metafora, ma è proprio la descrizione del comportamento di un paziente del professor Sacks. Il dottor P. infatti ha uno strano disturbo che lo porta a non riconoscere gli oggetti e le persone semplicemente guardandoli. Non presenta sintomi di demenza, è un uomo colto e affascinante e un eminente musicista. Durante la visita con Sacks, appunto, al momento di andare via comincia a tirare la testa della moglie pensando si tratti del suo cappello.

E questa è solo una delle stranezze che gli capitano: scambia il suo piede per una scarpa, non riconosce volti umani (neppure il proprio) e riesce a individuare un viso soltanto se nota un particolare: ad esempio riconosce Einstein dai baffi. Però suona divinamente e svolge con soddisfazione il suo lavoro di insegnante di musica.

Aldilà della malattia del dottor P. ciò che rende unico questo libro è l'approccio letterario. I casi clinici, solitamente destinati a restare chiusi nei manuali medici e psicologici, qui diventano delle storie e i pazienti dei personaggi. La grande capacità di Sacks, aldilà di quella letteraria, è di saper conciliare lo sguardo clinico con quello umano tanto da tacere a questo strano paziente, ormai quasi del tutto impossibilitato a svolgere le più normali funzioni quotidiane, di essere affetto da una terribile agnosia.

Alla domanda del dottor P. su dove fosse il guasto, Sacks risponde: "Dove sia il guasto non so proprio dirglielo, ma le dirò che cosa funziona bene a mio avviso: lei è un ottimo musicista, e la musica è la sua vita. In un caso come il suo, ciò che prescriverei è una vita interamente dedita alla musica. Finora la musica è stata il centro della sua esistenza; ora la faccia diventare la sua intera vita."

  • shares
  • Mail