Parole straniere che non ci piacciono, da ok a week end

books
Parole straniere che non ci piacciono: il quesito è stato posto dal sito della società Dante Alighieri ai suoi visitatori (www.ladante.it) che si sono dichiarati per il70% italiani.

Ne è risultato che fra le parole che non ci piacciono nella lingua scritta e parlata, c'è al primo posto "week end", seguito da "OK", e, più distanti, welfare (8%), briefing (5%), mission (4%), location, bookshop e devolution (3%). Ma non ne possiamo più neanche di computer, know how, privacy e shopping, per non parlare di temi legati alla politica come question time, meeting, premier, election day, authority, leadership e bipartisan.

Via | Adnkronos
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail