David Foster Wallace si è suicidato

David Foster Wallace

David Foster Wallace, «l'ultimo grande talento della letteratura americana», come lo definiva il risvolto di copertina del suo libro Oblio, è stato trovato impiccato in casa sua il 12 settembre alle ore 9:30. Aveva quarantasei anni.

«Wallace è uno dei grandi talenti della sua generazione: uno scrittore capace di qualsiasi virtuosismo», scriveva qualche mese fa il «New York Times». Lo scrittore statunitense aveva raggiunto la notorietà internazionale con libri come La scopa del sistema, che lui definiva «il romanzo di formazione di un giovane wasp ossessionato da Wittgenstein e Derrida», Infinite Jest (di cui la prima traduzione fu proprio quella italiana), la raccolta di racconti La ragazza dai capelli strani, saggi come Il rap spiegato ai bianchi, etc.

«Mi consigli qualcosa da leggere, per favore?» chiesi una volta al grande Filippo Scozzari durante un'intervista per BooksBlog. «Un libro qualsiasi di David Foster Wallace andrà benissimo,» rispose, «ma per iniziare consiglierei Tennis, tv, trigonometria, tornado e altre cose divertenti che non farò mai più, che ho dovuto tralasciare per rispondere a ’sta noia di tua intervista.»

La poetica dei romanzi di Wallace era (e rimane) ironica e lessicalmente pirotecnica, capace di spaziare dai termini più oscuri e desueti della lingua inglese ad hapax e neologismi da lui stesso inventati, da acronimi e abbreviazioni a veri e propri periodi ciceroniani.

«Il mondo della letteratura ha perso uno dei suoi più grandi talenti,» ha dichiarato a caldo Michael Pietsch, editor di Infinite Jest.

  • shares
  • Mail