Quali sono i libri che a scuola avete odiato di più?

Quelli più odiati Quante volte a scuola siamo stati costretti a leggere dei libri? Troppe, ma veramente troppe volte! Tralasciando Manzoni e Dante che erano (e che sono) d’obbligo per qualsiasi studente, a volte gli insegnanti ci propinavano delle letture aggiuntive (anche durante l’estate) che non facevano parte del programma scolastico. Letture alle quali dovevi sempre accompagnare una dettagliata relazione.

Ma quante volte ci sono piaciuti questi libri? Ricordo con terrore “Ragazzi di vita” di Pier Paolo Pasolini. Per me leggerlo è stata una sofferenza atroce. Dopo tanti anni però sono giunta a questa conclusione: Pasolini è un grandissimo autore ma non è possibile leggerlo a 14 anni! Per apprezzarlo bisogna essere più grandi e soprattutto più maturi.

Idem per “Fontamara” di Ignazio Silone che sono riuscita a rivalutare solo l’anno scorso. Ho letto questo libro il primo anno di liceo ma nei miei ricordi non ne era rimasto nulla. La storia? Totalmente rimossa. L’anno scorso però sono riuscita finalmente a rileggerlo e adesso posso dire che è uno dei capolavori del novecento. E a voi tra i libri che vi sono stati imposti di quali conservate un cattivo ricordo?

  • shares
  • Mail