Il browser Chrome e la storia di Google

Google StoryOggi il mondo è in fibrillazione. Google, il più importante motore di ricerca del mondo, ha annunciato l'uscita di Chrome, un browser che promette di rivoluzionare internet.

Chrome, meglio noto come "il browser di Google", rappresenta un nuovo passo avanti di Google verso la "colonizzazione" della rete, processo già iniziato per mezzo dei numerosi e spesso ottimi servizi che l'azienda ha messo a disposizione degli utenti negli ultimi anni.

Ma come nasce questa vertiginosa - e pericolosa? - scalata a internet? Ce lo racconta un libro edito da EGEA: Google story di David Vise e Mark Malseed, storia dei fondatori di Google Larry Page e Sergey Brin.

All'epoca venticinquenni, i due ex studenti di Stanford hanno messo in piedi uno dei più grandi colossi imprenditoriali del pianeta partendo da un'idea, un algoritmo - ancora oggi in gran parte segreto - che ha fatto da base al più funzionale strumento di ricerca della rete.

È una storia squisitamente americana di scalata economica e sociale, la vicenda di due giovani intellettuali (di cui uno, Brin, immigrato dalla Russia) che riescono a guadagnare immense ricchezze grazie alla forza delle loro idee, per poi proiettarsi in una dimensione di gestione globale che li spinge anche a porsi in prima persona il problema dello sviluppo della sfera culturale dell'umanità odierna.

Per la verità il sapore di Google Story è leggermente celebrativo, diciamo pure agiografico. Ma, in attesa del rivoluzionario (?) browser Chrome, può essere comunque una lettura istruttiva.

  • shares
  • Mail