"I vent'anni di Luz": per capire la storia dei desaparecidos

per capire la storia dei desaparecidos Quanto si conosce dei desaparecidos, ossia delle persone che furono arrestate per motivi politici dalla polizia del regime militare argentino? Dopo più di trent’anni ci sono ancora dei lati oscuri della vicenda. Tutt’oggi ci sono persone che fanno i conti con il passato, cercando di ricostruire le proprie origini. Si ritiene, infatti, che fra il 1976 e il 1983 in Argentina, sotto il regime militare, siano scomparsi fino a 30 mila dissidenti.

La tragedia dei desaparecidos viene ripresa nel romanzo “I vent’anni di Luz” della scrittrice argentina Elsa Osorio. La storia passa dagli anni settanta, quelli del regime, fino ai giorni nostri. Protagonista del racconto è Luz, figlia di desaparecidos, che dopo accurate indagini riesce non solo a scoprire la sua vera identità ma anche a conoscere il suo vero padre che fino a quel momento era ignaro della sua esistenza.

Il passato e il presente si intrecciano continuamente nei dialoghi tra padre e figlia: prima con la vita di Liliana (vera madre di Luz), e poi con quella di Luz. I sospetti della protagonista sulle sue origini nascono dal suo rapporto conflittuale con la madre adottiva, dalla quale emerge il rifiuto per la figlia ‘ribelle’.

Un giallo coinvolgente, pieno di emozioni, che passo dopo passo guida il lettore alla scoperta della verità e ad approfondire quella che si può definire una delle pagine più tragiche della storia dell’Argentina.

  • shares
  • Mail