Il Manuale di pulizie di un monaco buddhista

Complice un bellissimo articolo sul supplemento culturale del Corriere della Sera, La Lettura, mi sono davvero incuriosita di questo libro che potrebbe essere un nuovo archetipo del vivere contemporaneo: far bene le pulizie di casa e con gioia, una filosofia di vita diretta perchè no, pure ai signori uomini! Già vedo frotte di donne precipitarsi in libreria per fare dono del Manuale di pulizie di un monaco buddhista (edito da Vallardi) al proprio convivente maschio per Natale; che sia padre, fratello, fidanzato o marito va bene uguale, magari questa volta riceverà il messaggio forte e chiaro.

Perchè come scrivono su La Lettura, se "pulisci la casa ritroverai te stesso" e questo a scapito dell'esercito di colf a cui chi più chi meno, affida l'onere del rassettare casa. Cosa che invece va interpretata come una forma di preghiera, come cura del sè, come ritrovata armonia attraverso quei gesti monotoni e ripetitivi che invece nascondono un'antica saggezza e che ci sprona a tralasciare invece le attività superflue. Sì perchè il giovane autore, Keisuke Matsumoto, nella vita è un monaco di un tempo di Tokyo; e in questa intervista a Marie Claire ci fa sapere che anche gli uomini giapponesi sono un po' restii alle faccende domestiche, mentre i monaci buddhisti hanno capito che pulire è un modo per arricchire la mente e ti aiuta a concentrarti sul presente...".

Nel prezioso manuale troverete tutte le istruzioni per essere felici: come vestirsi, l'orario giusto per pulire e riordinare, fare il bucato, stirare e i più tecnici Takonoma e salotto, Tenugui oltre a un saggio sulla pulizia dell'anima. Sezione mistica che comincia con i capitoli "Come lavarsi il viso" e "I trucchi per dormire bene" e che arriva a compimento con "L'arte di rimettere ogni cosa al proprio posto", perchè "la stanza va percepita come se fosse una parte del nostro corpo". Al giorno d'oggi pulire insomma è una cosa molto zen e originale, un atteggiamento tutto da rispolverare, tanto più in questo periodo in cui è chiaro che bisogna imparare a sprecare meno e a godersi ciò che si ha.

  • shares
  • Mail