Raccolto di poesia italiana contemporanea

"Come leggere la poesia? Perché è così difficile andare a capo? La rapidità dell’occhio e la lentezza della parola / Gli ultimi vent’anni di poesia in Italia, ascoltando (e leggendo) anche i folksinger, Eliot, la pop music e Dylan Thomas / È vero che leggere un testo poetico significa rileggere? / La “scomparsa” della voce e l’onda emotiva: da Albinati a Benedetti, da Bocchiola a Dal Bianco / Ma anche Damiani, Pusterla, Riccardi, Rondoni, Salvia, Voce e molti altri / Non un’antologia, ma un percorso dai confini irregolari, per tracciare esperienze distinte e passioni comuni / Concedendosi molte pause / Perché la poesia è il luogo in cui vengono a mancare le parole."

E' questa la quarta di copertina del nuovo libro delle Holden Maps. Sfogliare le pagine de Il respiro e lo sguardo di Gian Mario Villalta, e' come viaggiare in una terra dai confini irregolari, dove incontri la poesia e i folksinger, Pusterla e la pop music e giungi in un territorio magico, dove regnano le pause e, per fortuna, vengono a mancare le parole.

  • shares
  • Mail