L'altra casta: un libro sui sindacati

Il termine "casta" è ormai entrato nell'uso comune, dopo l'uscita del libro inchiesta di Rizzo e Stella e viene utilizzato in diverse occasioni, quando si tratta di svelare meccanismi economici e di potere che perpetuano privilegi di classe (politica, giornalistica...). L'ultimo caso è un libro in uscita in questi giorni, dal significativo titolo L'altra casta, una inchiesta sui sindacati a firma di Stefano Liviadotti, giornalista economico dell'Espresso.

In un periodo di profonda crisi della rappresentanza sindacale, in cui lo scollamento tra le tre grandi sigle confederali (Cgil, Cisl e Uil) e il mondo del lavoro si va accentuando, Liviadotti va a curiosare tra i bilanci delle organizzazioni e le ambizioni politiche dei suoi leader. Non solo giri d'affari piuttosto rilevanti, ma anche la formazione di una sorta di casta burocratica sempre più lontana dal paese reale, come quella della politica.

Il libro di Liviadotti pare quindi essere l'ennesimo tassello di un'analisi impietosa della drammatica situazione italiana in cui tante caste più o meno potenti cercano di perpetuarsi il potere, sostanzialmente indifferenti a quello che succede su e giù per lo stivale. In tempo di elezioni, sicuramente un altro segnale di sconforto per le prospettive future dell'Italia.

  • shares
  • Mail