La zona cieca, di Chiara Gamberale

"...me o i suoi fratelli...era come se le uniche persone che davvero gli volevano bene dovessero espiare la colpa di farlo. Doppiamente colpevoli se lui le ricambiava"
E' una bellissima storia d'amore l'ultimo libro di Chiara Gamberale. Vista la bravura della scrittrice ad affrontare temi difficili (ricordate ad esempio la sua "Vita sottile"?) dalla trama era plausibile aspettarsi, questa volta, una storia incentrata sulla "dipendenza affettiva" dei protagonisti, un dolente racconto di una precarietà sentimentale che mette in crisi anche le storie d'amore più belle.

Il libro è ANCHE questo, ma è soprattutto, secondo me, una bellissima storia d'amore "a una voce sola", narrata da una donna, una conduttrice radiofonica esperta di disastri sentimentali, che ama il suo uomo. Un uomo che, nei suoi giorni più sereni, la ama come ogni donna merita di essere amata.

Dichiarandole ad esempio di non vedere l'ora di "annoiarsi con lei", regalandole un cane bellissimo da crescere insieme, con il sesso fatto ridendo, anche quando ne fai talmente tanto che devi metterti una pomata per il bruciore, ma intanto ti viene da ridere e ricominci a farlo.

Uno che, a Roma, la porta alle Mura Aureliane e le dice che "la bellezza di questo posto è proprio nel suo essere involontari...i romani volevano solo fare in fretta a mettere un mattore sopra l'altro. Mica volevano costruire un'opera d'arte. E invece eccola qui". Come una storia d'amore "involontaria" costruita giorno per giorno senza volerlo, che diventa vera e reale più di una pianificata a tavolino.

Ma Lorenzo è anche uno che fa di tutto per non legarsi a Lidia, combattendo il loro amore come un tumore da annientare con quotidiane negatività di pensiero e azione. E Lidia, giorno dopo giorno, vede lucidamente tutte le sue fragilità, i suoi tradimenti, le frasi violente dette e non pensate per paura, pura paura. Lidia vede la sua "zona cieca", ovvero quello che Lorenzo non riesce a vedere di se stesso. E che gli sarà svelato, alla fine, da un misterioso straniero che inizia a scrivergli mail come se lo conoscesse.

Come finisce un amore del genere? Ovviamente non ve lo svelo, lasciandovi la sensazione che a me è rimasta a fine lettura: che amando si inizia ad avere una nuova intelligenza delle cose e delle persone. Che riesce a cambiarci reciprocamente, nonostante noi stessi.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: