I diari segreti di Buzzati, è ancora mistero

Noi che amiamo la sua scrittura e lo abbiamo letto anche lontano dai banchi di scuola, ce lo immaginiamo sempre così: curvo sulla macchina da scrivere, nel silenzio della redazione di via Solferino, che fra una pausa e l'altra abbozza il "Deserto dei Tartari".

In realtà, oltre a scrivere per il Corriere della Sera, a comporre romanzi, a scrivere lettere agli amici e alla sua passione per la pittura, Buzzati teneva anche un diario personale quasi giornaliero. Diraio che però non è mai stato pubblicato per volontà della moglie Almerina Buzzati.

E' quindi sempre piacevole leggere qualche informazione in più su questo documento, e segnalo quindi una breve intervista al riguardo dove si parla addirittua di tanti "diari", non pubblicati dalla moglie perchè "sono racconti intimi della sua esperienza e forse li riteneva troppo personali". D'altronde Buzzati stesso ha spesso attinto ad essi, ad esempio in "Siamo spiacenti di..." e "In quel preciso momento".

Per chi volesse saperne di più, è possibile consultare gli stralci pubblicati nelle riviste all'interno del centro Studi Buzzati di Feltre. Ovviamente, per chi come me ama la diaristica, sarebbe molto interessante che venissero dischiusi i sigilli su quel materiale, per conoscere la sua esperienza di uomo di cui abbiamo, nei suoi racconti "fantastici" solo un pallido riflesso.

Via|Dada.net
Foto|Flickr

  • shares
  • Mail