Anita Philipson, un social network digitale del passato

E' on line da qualche giorno un archivio importantissimo che trova su internet la sua "salvezza". Si tratta dell'archivio della potente famiglia ebrea Philipson: tre stanze di documenti politici e lettere tra le famiglie potenti della nostra Italia custodite in una villa in Toscana, adesso anche on line all'indirizzo www.anitaphilipson.com.

A metter su l'archivio è la "solita" Alice Avallone, un genio della comunicazione contemporanea, che ha avuto accesso alle tre stanze. Il sito è molto carino, sfrutta l'ipertesto, ovvero una serie di blocchi testuali, collegati tra loro grazie a continui rimandi - ed è in continuo ampliamento. Si tratta di un vero e proprio social network digitale del passato (e della nostra storia).

Dentro sono custoditi documenti riportati digitalmente ed altri originali, come questa tenerissima pagina scritta da Margherita. Nell'archivio c'è davvero di tutto, perfino documenti riservati e confidenziali dei principali attori dei decenni dal 1900 al 1970 - soprattutto dell'epoca fascista e di Mussolini.

L'obiettivo del sito, oltre a far uscire dall'oblio la famiglia e la storia Philipson è di rintracciare eredi, amici e parenti ancora in vita.

  • shares
  • Mail