Erotismo, Platone ed il rivale di Harry Potter

Tre segnalazioni di articoli on line che potrebbero interessare i nostri lettori.

Utilità di una letteratura erotica.
WUZ pubblica in anteprima un articolo che uscirà sul numero 2 di Satisfiction, testo inedito di Boris Vian, in cui si discute sulla definizione di letteratura erotica e sulla sua espressione. Con delle belle intuizioni.

E poiché l’amore, che è comunque, lo ripeto, al centro degli interessi della maggior parte della gente sana, è ostacolato e impedito dallo Stato, perché dovremmo sorprenderci se il movimento rivoluzionario assume oggi la forma della letteratura erotica?

Brising, il fantasy che vuole battere Harry Potter
Panorama parla della trilogia di Christopher Paolini, Il ciclo dell'Eredità. Visto che Harry Potter tra qualche mese non farà più paura nel mondo del fantasy, la RandomHouse ha ben pensato di rilanciare la saga fantasy, di cui abbiamo già letto (e visto) Eragon ed Eldest. Il prossimo 20 settembre arriverà nelle librerie americane Brisingr. Allo "scoccare della mezzanotte" perché adesso si usa così...

I numeri, per ora, non sono certo quelli della Rowling, ma le attese lasciano ben sperare. I primi due libri, Eragon ed Eldest, hanno venduto più di dodici milioni di copie in tutto il mondo.


Platone si è perso nel web.
L'Espresso, a firma di Gigi Riva, indaga sulla crisi della lettura e della letteratura, accusa tv ed Internet che ne sono artefici. Ma nel manifesto del nuovo umanesimo di Tzvetan Todorov si ripete con forza la capacità dei romanzi di reinventare il mondo, di darci quindi la possibilità di creare un mondo, di reinventarci nella storia di un libro.

Il suo pensiero è una sorta di manifesto del nuovo umanesimo. Che parte da una spiegazione: "Scegliamo solo parzialmente le persone in carne e ossa che ci stanno attorno. E difficilmente possiamo entrare nel loro spirito. Ci sono naturalmente più care dei personaggi dei libri. Ma i personaggi dei libri sono più parlanti, più eloquenti. Lo scrittore ci ha permesso di vederli come un altro noi stessi"

  • shares
  • Mail