Amarcord 1968 nel prossimo numero dell'Europeo

L'argomento pare proprio sulla cresta dell'onda: ricostruire il significato del'68 da tanti punti di vista. Da una parte, come abbiamo visto, quello dei trentenni, all'epoca non ancora nati. Dall'altra, e questa è l'iniziativa de "L'Europeo", nelle parole di tanti storici viventi o scomparsi.

Nel prossimo numero dell'Europeo infatti, si alterneranno le penne di Ruggero Orlando, Oriana Fallaci, Oreste del Buono, Tullio Kezich, Lietta Tornabuoni, che si sono cimentati nel ritratto di un anno in cui "non c'erano soltanto gli studenti con le loro manifestazioni, ma c'era un Paese pervicacemente ancorato alla sua caratteristica peculiare: la contraddittorietà".

La monografia è in edicola dal 1 febbraio allegata al Corriere della sera.

Via| Alice.it
Foto|Flickr

  • shares
  • Mail