Fiera del libro di Francoforte 2012: focus sull'editoria dell'infanzia e delikatessen

Immagine esemplificativa dalla Fiera del Libro di Francoforte 2012, che ritrae un momento -cruciale- della Cyber Classroom: il libro è sempre più techno! E non me ne vogliano gli estimatori del supporto cartaceo (di cui naturalmente faccio parte), è un dato confermato anche dalle ultime proiezioni sulle vendite di libri in Italia, che Ansa ci segnala in forte calo per il 2011, con un margine positivo per quanto riguarda gli ebook. Ma in un momento di pressione economica generalizzata c'è chi si inventa soluzioni di ogni tipo pur di riuscire a vendere, come nel caso di Yoav Lorch del sito Total Boox, dove ti crei un account e paghi solo in relazione al numero di pagine lette. Diventeremo risparmiatori anche nella lettura dunque?

C'è da sperare di no! E forse per questo uno dei focus di questa edizione della fiera è la letteratura per l'infanzia, che tra l'altro sta diventando uno dei settori trainanti dell'editoria: proprio qui emerge il dato che negli ultimi 12 mesi i libri per bambini sono stati la prima categoria di vendite nelle librerie, con il pregio non ultimo, di attirarvi tutta la famiglia con le sue differenti fasce d'età. Soprattutto è questo un filone di sperimentazione verso le nuove forme di lettura, visto l'evidente carattere di intuitività digitale delle nuove generazioni.

Dell'editoria infantile hanno discusso anche gli autori neozelandesi Brian Falkner e Kate De Goldi (che scrivono per bambini e young adult) al forum Writing for Our Futures: gli scrittori di queste categorie hanno una responsabilità enorme, perchè in sostanza contribuisono a forgiare le mentalità degli adulti di domani, ma influenzano anche le dinamiche famigliari perchè raccontando storie affascinanti invogliano i ragazzi a farlo a loro volta e questo favorisce lo scambio tra le persone.

Chiudiamo con un aspetto "allettante" della Buchmesse, la Gourmet Gallery che si pone come isola felice per i momenti di elusione gastronomica (ci vuole anche quello!); devo dire che già guardando la pagina sul sito ti convinci di avere un motivo in più per andare a Francoforte: 800 metri quadrati dedicati al mondo della cucina, con i libri ovviamente, ma anche gli showcooking degli chef e in stile con la fiera, focus costanti sulle tendenze dominanti del momento e le innovazioni digitali nel settore. Guten appetit!

  • shares
  • Mail