Tendenze libri su Twitter: #10wordbooks

Ieri era tra le tendenze più interessanti su Twitter, oggi l'onda prosegue e speriamo continui a lungo! E' la bellissima idea nata da Alexander McCall Smith e prontamente ripresa da Random House; per vedere di cosa si tratta, digita #10wordbooks e ti apparirà una lunga serie di tweets a tema letterario il cui obiettivo è descrivere con la massima brevità un libro (il tuo libro preferito?), un esempio di quelli che mi hanno colpito di più: Tutta quella confusione, e non avevano ancora fatto l'amore (Domani nella battaglia pensa a me), oppure 1Q84 in 10 parole: gli tengo la mano una volta e guarda che casino..

Belli questi florilegi spontanei dal web, partiti come quasi sempre per caso, e che ci rassicurano sullo stato vivo e vegeto della letteratura nei cuori anche di chi passa ore e ore sul computer.

Se si va a questo link si attiva la lista delle frasi che "condensano" il succo di un romanzo in sole dieci parole; il gioco è molto divertente e naturalmente ha visto ampio sviluppo nella lingua inglese, di cui vi propongo l'esilarante frammento che descrive Jane Eyre, firmato da Text Publishing:

What's that noise from the attic, Mr Rochester?'
'Nothing, darling

Cioè: "...che cos'era quel rumore in soffitta, Signor Rochester?""Niente, cara...". Ma tornando alle recensioni in italiano vale sicuramente la pena di visitare l'account di Einaudi Editore, qui nel mucchio troverete la frase perfetta per concludere con un sorriso la giornata, anche perchè spesso dietro a tanto talento "restringente" si nasconde una profonda vena umoristica. Ma eccovi qualche ulteriore spunto, se proprio non avete tempo: Uno scarafaggio nel mio letto! Ah, niente, sono solo io.(La metamorfosi - Kafka), Alla fine essere cattivo non conviene mai. Figurati a Natale.(A Christmas Carol - Dickens), Che poi a me il pesce spada manco mi piace. (Il Vecchio e il Mare - Hemingway). Buona lettura!

  • shares
  • Mail