Aldo Nove: "La poesia? E' come lo zucchero"

Ecco una interessante intervista ad Aldo Nove, in cui si parla di poesia fuori dai luoghi comuni.

La poesia, nonostante e forse proprio per la sua maggiore diffusione su internet (eBook, libri autopubblicati, blog) non riesce ancora secondo Nove a trasformarsi in Italia da fenomeno di elite a fenomeno di massa (a differenza di paesi come Inghilterra e in Giappone in cui questo accade perchè "è capace di proporsi sempre accostata ad altro e con altro, con la musica, con la fotografia").

Per spiegare il concetto Nove identifica la poesia (ripreso in realtà da "Contro la poesia" di Gombrowicz):

la poesia è come lo zucchero: se ne metti un cucchiaino nel caffè è ottimo, ma se ti mangi delle cucchiaiate di zucchero fa schifo

Questo stride secondo Nove "con l'idea di presunta purezza che fa proprio male alla poesia, che diventa anche un auto-isolamento".

Infine, alla richiesta di identificare giovani poeti meritevoli di attenzione, Nove risponde che sono tutte donne: Giovanna Marmo, Florinda Fusco, Sara Ventroni, Mariangela Gualtieri, Francesca Genti, e la Carnaroli, oltre a Patrizia Valduga.

  • shares
  • Mail