Peter Cameron, Coral Glynn e l'arte dello scrivere

Parlando del suo romanzo Coral Glynn (Adelphi, 2012), Peter Cameron svela tre suoi segreti di scrittore: la necessità di leggere, il lavoro della fantasia e il bisogno di mettersi sempre in gioco. È grazie alle molte letture, infatti, che Peter Cameron riesce a descrivere le situazioni con la bravura che gli è riconosciuta:

Io credo che, poiché ho letto per così tanto tempo meravigliosi romanzi di scrittrici britanniche, il tono è stato qualcosa che ho trovato facilmente nel mio inconscio.

Peter Cameron, Coral GlynnSapersi formare alla scuola di quanti hanno scritto prima di noi è una delle basi del bravo scrittore, che va di pari passo con il saper far lavorare la propria fantasia:

Questo personaggio [Coral, ndr] mi è arrivato in un modo molto particolare. Molti anni fa ho visto l'immagine di una donna fuori da una casa in campagna e io mi sono immaginato che fosse un'infermiera. Che fosse inglese e che fossero gli Anni Cinquanta.

Infine, dicevamo della capacità di mettersi in gioco, affrontando sia il tempo che passa che la sfida a non ripetersi mai:

Non so se è una questione di “crescere”, ma so che si tratta del fatto che volevo fare un libro diverso dai precedenti. E poi certo, sto anche invecchiando.

Qual è la trama di Coral Glynn? Leggiamo sul sito di Adelphi:

In una grande villa nella campagna inglese del 1950, Coral, che al mondo non ha più nulla e nessuno, arriva per assistere la padrona di casa, mentre il figlio di lei, il maggiore Clem­ent Hart, cerca di guarire dalle ferite che gli ha lasciato la guerra. In quelle stanze buie, gelide e spettrali, Coral e Clement arrivano in brevi momenti, con le parole, quasi a toccarsi. Ma ogni volta, dalla caligine che si insinua ovunque, qualcosa – un anello rubato, un inquietante gioco infantile, un misterioso profumo di fiori – si materializza, costringendo il desiderio e il bisogno ad assumere una forma meno categorica dell'amore. È l'inizio di un viaggio lieve, doloroso e imprevedibile, difficile da raccontare e impossibile da dimenticare.

  • shares
  • Mail