I Miserabili compiono 150 anni: l'esposizione per festeggiarli

Ancora due settimane per festeggiare i 150 anni dalla pubblicazione de "I miserabili". Un "ragguardevole anniversario" celebrato attraverso una mostra "formato tascabile" ospitata nel quadro della Maison Victor Hugo di Parigi, l'appartamento di Place de Vosges nel quale lo scrittore trascorse più di quindici anni della sua vita, tra il 1832 e il 1848. Dopo aver "ricevuto Charles Dickens", l'istituzione ha pensato bene di organizzare un'esposizione, che terminerà a fine mese, e che permette di analizzare in profondità, tre aspetti dell'opera e della sua storia.

Il primo riguarda le circostanze di pubblicazione del celebre romanzo, i cui dieci volumi apparvero in tre momenti diversi del 1862 (a marzo, maggio e giugno). Diffusi contemporaneamente a Parigi, Bruxelles e Leipzig, gli esemplari rientravano in un vero e proprio "colpo mediatico", organizzato dallo stesso Hugo con il sostegno del suo editore. Il successo fu immediato e letteralmente "senza frontiere". Prima della fine del 1862 il testo era già stato tradotto e dato alle stampe nelle principali capitali europee come Milano, Londra, New York, Madrid Lisbona, Amsterdam, Berlino Budapest e Varsavia, e continua ancora oggi ad essere editato nel mondo intero, come dimostrano i numerosi esempi di traduzione esposti.

Il secondo fa eco a "gli arcobaleni del nero", la retrospettiva, terminata recentemente, e destinata a mettere in valore il talento pittorico nascosto del grande autore francese, pensatore, poeta e guida nazionale, ebbe modo di dilettarsi con il pennello oltre che con la penna. Guidato da un talento oscuro seppe dar forma ai suoi più temibili fantasmi, trasferendoli in tratti fieri. Un'immersione nella parte ombrosa de "I miserabili", composta ed articolata a partire dalle immagini realizzate da Gustave Brion per la prima edizione illustrata dell'opera.

Il terzo metterà l'accento sul personaggio di Cosette, simbolo dell'infanzia povera e abbandonata per eccellenza, riprodotto secondo diverse tecniche, sui supporti più vari.

Via | paris.fr
Foto | Monumento a Victor Hugo, 1909, Auguste Rodin, bronzo, parco dell'hôtel Biron, da Flickr

  • shares
  • Mail