Concorso: Le Buoneparole

Sveva Casati Modignani è una prolifica scrittrice, molto nota sia in Italia che all'estero, edita da Sperling & Kupfer, che ha venduto con i suoi libri più di dieci milioni di copie (qui il sito ufficiale dell'autrice).

Il concorso Le Buoneparole, promosso dall'associazione culturale Iniziativa Donna, l'Altra Libreria, il Comune di Abbiategrasso e la Fondazione per la Promozione dell’Abbiatense, è gratuito e scade il 10 novembre 2007; per partecipare occorre scrivere un racconto di qualsiasi genere, della lunghezza massima di quattro cartelle dattiloscritte, partendo da un incipit a opera di Sveva Casati Modignani. I racconti degli scrittori che intendono partecipare si devono spedire all'indirizzo e-mail altralib@netsys.it, a cui ci si può anche rivolgere per qualsiasi richiesta riguardo al concorso. Ulteriori informazioni si potranno trovare sul sito ufficiale del Comune di Abbiategrasso a questo link, o su quello dell'Altra Libreria su questo sito.

Segue il testo integrale dell'incipit da utilizzare per la stesura del proprio racconto:

Ricordo ancora il silenzio dei nostri pomeriggi insieme: la mamma a sminuzzare le verdure per il minestrone di riso, io a fare i compiti di scuola. Il gatto ronronava acciambellato su una sedia, la pendola scandiva il tempo dei giorni brevi dell’inverno.
Qualche volta alzavo gli occhi dal quaderno e guardavo la mia bellissima mamma.
Anche lei, di tanto in tanto, mi guardava.
Pensavo: “Adesso mi parla, mi racconta qualcosa”. Lei taceva. Avara di parole, come di gesti teneri, non mi interrogava, né mi raccontava i suoi pensieri.
Buttava nell’acqua bollente le verdure tagliate e lavate.
Poi pescava nel sacchetto di juta due manciate di riso e le versava nella tafferia, un recipiente largo e basso, di alluminio, che serviva per mondare il riso.
Osservavo incantata la sua gestualità sapiente nel far danzare i chicchi che si libravano nell’aria, verso l’alto e precipitavano di nuovo sul fondo della tafferia eliminando le scorie che lei soffiava via.
Ogni volta commentava: “Bello, questo vialone abbiatense”.
Io avrei voluto che dicesse: “Bella questa mia bambina”.
Non mi ha mai fatto un complimento, non mi ha mai dato una carezza. Era una mamma di una volta.

  • shares
  • Mail