Addio alla Biblioteca dell'Istituto per gli Studi Filosofici di Napoli?

Un addio commosso e stupefatto, amaro e rassegnato, si tratta dell'enorme delusione che avvolge l'ottuagenario Gerardo Marotta, immortalata dal reporter Alessio Viscardi. Un video per far conoscere al mondo una triste storia che vede per protagonisti una montagna di libri e il loro custode. Stiamo parlando della Biblioteca dell'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, fino a poco tempo orsono una vera e propria mecca per studiosi, studenti e ricercatori, attirati dalla sua fama e letteralmente catturati dall'ampia disponibilità di testi.

Più di 300.000 volumi che rischiano di essere traslocati poco a poco in un capannone di Casoria. Un destino infame che potrebbe scardinare uno dei simboli della cultura napoletana, arricchito e supportato dalla personalità carismatica dell'Avvocato Gerardo Marotta, colonna del pensiero all'ombra del Vesuvio e non solo. E' stato proprio lui ad aver donato buona parte della sua raccolta personale, frutto di più di tre decenni di ricerca, che rappresenta ormai più di un terzo del patrimonio della biblioteca, e sempre lui ad aver lottato con tutte le sue forze contro la dismissione.

Il rischio è più che concreto visto che i volumi, ormai impacchettati nei cartoni, cominciano a dirigersi verso la destinazione di ripiego, ma il "buzz telematico" non si è fatto attendere. Le ultime notizie sembrano leggermente più rassicuranti, il Comune di Napoli ha offerto un'ala del Palazzo Fuga (Albergo dei Poveri), altri comuni come Acerra che hanno espresso la loro disponibilità, ed infine c'è una soluzione della stessa Regione, che vorrebbe trasferire il tutto nell'ex sede del Coni a pochi passi dalla sistemazione attuale...Tra "santi, politici e avventurieri" sembra che tutti siano pronti a prestare il proprio aiuto. Ecco spuntare molte possibili soluzioni di ripiego, per una biblioteca che chiede solo di restare quella che era.

Via | youmedia.fanpage.it

  • shares
  • Mail