Montagne, a cura di Carlos Solito

Montagne, a cura di Carlos SolitoAvventura, passione, sfida è l'indovinato sottotitolo di quest'antologia dedicata alle montagne, curata da Carlos Solito, pubblicata da Elliot e impreziosita da quindici foto a colori, alcune delle quali veramente splendide. La chiave interpretativa, a mio modo di vedere, è data dalla frase di Goethe che si staglia – è il caso di dirlo! – in quarta di copertina:

I monti sono maestri muti e fanno discepoli silenziosi.

Non sono certo muti le autrici e gli autori che scrivono in quest'antologia (Dacia Maraini, Simone Moro, Andrea Bocconi, Roberto Mantovani, Sandro Filippini, Maurizio Maggiani, Paolo Rumiz, Franco Arminio, Andrea Gobetti e Carlos Solito), ma si fanno testimoni – e discepoli – del silenzio che tra le montagne regna sovrano.

Trattandosi di un'antologia è naturale che non tutti i racconti possano piacere allo stesso modo. A me sono molto piaciuti quello intimo di Dacia Maraini (unica donna del gruppo nonché in odore di Nobel secondo gli scommettitori) che racconta di suo padre e del rapporto con la montagna (Mio padre Fosco e la sua montagna); Eruzione Stromboliana di Andrea Gobetti con un'interessante incipit sullo scrivere a mano e lo scrivere al computer e quello di Andrea Bocconi dal titolo Montanari di bassa quota che così inizia:

Sono nato a Lucca, 19 metri sul livello del mare. Diciamo un quarto piano. Nella provincia il comune più alto è Careggine in Garfagnana, che svetta con i suoi 886 metri. Non sono le premesse giuste per fare di me un montanaro e, se aggiungo che sono figlio di un marinaio, si capisce che non ho proprio il pedigree.

Non che gli altri siano brutti, anzi. Ma questi tre mi sono piaciuti di più e, si sa, de gustibus...

Montagne. Avventura, passione, sfida
a cura di Carlos Solito
Elliot, 2012
ISBN 978-88-6192-283-9
pp. 192, con illustrazioni, euro 17,50

  • shares
  • Mail