Un mare di libri venduti su Internet

Riprendo dalle agenzie di stampa una notizia davvero interessante:"Le vendite online di editoria, musica e audiovisivi hanno fatto registrare nel 2006 un incremento del 30%, superando i 110 milioni di euro. A trainare sono stati i principali operatori che sono cresciuti ad un tasso molto superiore rispetto a quello medio. Il tasso di penetrazione delle vendite online sul totale retail è di circa il 3% e i libri costituiscono il 70% delle vendite del settore. E' quanto emerge da una ricerca su oltre 50 dei principali operatori e-commerce condotta da Netcomm - Consorzio del commercio elettronico italiano e dalla School of Management del Politecnico di Milano.
Il fatturato complessivo del commercio elettronico del 2006 ha raggiunto, come previsto nell'Osservatorio di giugno, i 4 miliardi di euro. Particolarmente significativo è il peso del comparto in termini di numero di ordini pari a circa il 15% del totale. Nel 2006 sono stati evasi circa 2,5 milioni di ordini. I primi 5 operatori continuano ad avere oltre il 70% del mercato e non ci sono stati ingressi significativi. L'editoria continua ad essere dominata da Ibs (fatturato 2006: 25,5 milioni di euro - quasi un quarto di quota di mercato: 23%), seguito da Bol".
Se i lettri, secondo dati forniti di recente, sono aumentati nel corso dello scorso anno, dell'1%, ciò significa, con un ragionamento quantomeno probabile che il numero di libri acquistati in più in Rete sono andati a colpire le abituali vendite delle normali librerie.
E se i megastore resistono, perché la loro offerta è varia e molteplice, ad annaspare sono i piccoli librai, molti del quali sono costretti a chiudere i battenti.
Questo dispiace. Davvero.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: