Maturità 2019, Liceo Scientifico seconda prova: tracce e soluzioni

Seconda prova per gli esami di Maturità 2019 al Liceo Scientifico: ecco tracce e soluzioni di Matematica e Fisica.

Maturità 2019, Liceo Scientifico

Siamo arrivati al secondo giorno degli esami di Maturità 2019: al Liceo Scientifico i maturandi dovranno affrontare Matematica e Fisica nella seconda prova. Anche per quanto riguarda la seconda prova, il Ministero della Salute ha modificato profondamente lo svolgimento dell'esame: due le materie previste e non più una sola. Se al Liceo Classico questo vuol dire cimentarsi con una versione di greco e una versione di latino, al Liceo Scientifico questo significa dover affrontare matematica e fisica. Una Maturità dunque da non sottovalutare, non certo facile anche perché le ore a disposizione sono rimaste invariate.

Man mano che online compariranno le tracce, ve le proporremo. Idem dicasi per le soluzioni e lo svolgimento dei quesiti.

Ecco qui le tracce intanto:

Matematica, traccia e svolgimento

Per quanto riguarda la traccia di matematica, i candidati dovranno risolvere uno dei due problemi a disposizione e rispondere ad almeno quattro domande su otto. In realtà i problemi interessano sia la matematica che la fisica:

Problema 1

  • studio di funzione
  • studio della variazione della circuitazione del campo magnetico con correnti continue (basato sull'analisi della funzione precedente)
  • analisi di una spira conduttrice posta all'interno di un campo magnetico e generante una corrente indotta

Problema 2

  • studio di un condensatore con all'interno un campo magnetico
  • spiegare perché nel condensatore è presente un campo magnetico anche in assenza di magneti e correnti di conduzione
  • studio della funzione relativa

Per la risoluzione di entrambi i problemi, i ragazzi di Skuola.net li hanno già risolti entrambi, punto per punto (e ci sono anche i grafici).

Quesiti

  1. determinare i punti di massimo e minimo relativi alla funzione proposta
  2. determinare il limite della funzione evidenziata
  3. geometria solida (parallelepipedi rettangoli a base quadrata)
  4. determinare il luogo geometrico dati due determinati punti, scrivere la sua equazione cartesiana e determinare l'equazione del piano tangente in due punti
  5. calcolo delle probabilità tramite il lancio di quattro dadi con facce numerate da 1 a 6
  6. spiegare la relazione esistente fra la variazione del campo magnetico perpendicolare che induce la corrente e il verso della corrente indotta in una spira di rame immersa in un campo magnetico uniforme le cui linee di forza sono perpendicolari alla superficie della spira
  7. studio del moto di una particella secondo i parametri proposti
  8. determinare il modulo del vettore velocità e dell'angolo formato con un campo magnetico uniforme di un protone che si muove nel suddetto con traiettoria ad elica cilindrica

Trovate tutte le soluzioni ai quesiti su Studentville.it, l'articolo è in continuo aggiornamento.

Il condensatore

Per quanto riguarda il condensatore, è bene sapere che è reattivo in quanto capace di immagazzinare potenza e rilasciarla (se soddisfatte determinate condizioni, si intende). Solitamente un condensatore è fatto di due piastre metalliche poste una di fronte all'altra, separate però da materiale isolante (dielettrico). Un condensatore in alternata funziona seguendo le equazioni di Maxwell e la cosiddetta corrente di spostamento.

Fisica, traccia e svolgimento

Per quanto riguarda Fisica, sembra che la traccia riguardi i campi magnetici. Il titolo della traccia è Circuitazione del campo magnetico. Qui troverete un approfondimento sui campi magnetici e sulle leggi che li regolano.

Circuitazione del campo magnetico

Visto che il problema di Fisica riguarda la circuitazione del campo magnetico, ripassiamo un po' grazie ai nostri amici di Studentville.it. Con il termine di circuitazione del campo magnetico si intende il lavoro che si compie su un percorso chiuso dal vettore del campo magnetico (B). La formula è:

C(B) = Δs cosa

dove si intende con B il vettore del campo magnetico, Δs è l'elemento di spostamento chiuso e a è l'angolo compreso fra B e Δs. A questo punto si distingue:

  • circuitazione con corrente concatenata al percorso chiuso: in questo caso l'area delineata dalla linea dello spostamento della circuitazione tocca il filo percorso dalla corrente. Considerando un filo rettilineo percorso da corrente che esce dal piano, ecco che le linee di forza generate dal filo avranno la forma di circonferenze concentriche. Proprio una di queste circonferenze viene considerata spostamento chiuso. Possiamo così suddividerla in segmenti lineari multipli: questo farà sì che il vettore campo magnetico sarà sempre tangente in ogni punto della linea di forza e che l'angolo formatosi fra B e Δs sia di 0 gradi visto che i vettori sono paralleli
  • circuitazione con corrente non concatenata al percorso chiuso: in questo caso l'area delineata dello spostamento della circuitazione non totta il filo con la corrente. Se da A a B si ha uno spostamento antiorario e da C a D uno orario, ecco che in questo modo il vettore campo magnetico sarà sempre in senso antiorario, con filo della corrente al di fuori del piano. Così facendo, tutto lo spostamento chiuso diventa la somma dello spostamento per andare da A a B, da B a C, da C a D e di nuovo da D a A (AB + BC + CD + DA)

Foto | iStock

  • shares
  • Mail