“Se non ti vedo non esisti”, Levante

L’esordio letterario di una delle migliori cantautrici del panorama musicale nazionale

levante-libro.jpg
Claudia Lagona, in arte Levante, si è fatta notare nel panorama musicale nazionale per le notevoli doti di scrittura e per un cantautorato personale che non insegue le mode e i format dettati dalla dittatura dei talent show.

Ora, con il libro Se non ti vedo non esisti, la scrittura di Levante si misura con la forma lunga. Protagonista del suo romanzo d’esordio è Anita, una redattrice di una rivista di moda che si confronta con la concretezza della madre e della sorella, le quali non capiscono da dove arrivi la sua inquietudine, quella voglia di mangiarsi ogni attimo come fosse l’ultimo e di scappare a gambe levate non appena qualcuno minaccia di metterla in gabbia.

se-non-ti-vedo-non-esisti-claudia-lagona.jpgAnita però lo sa bene: quando si guarda allo specchio, le sue “mille me” – così le chiama lei – riflettono i suoi cambiamenti di umore e la incoraggiano, la contraddicono, la rimproverano quando sbaglia. Perché Anita sbaglia spesso, soprattutto quando si tratta di uomini. I suoi errori più grandi sono tre: Filippo, affascinante e indisponibile, incontrato per caso su un volo per New York; Flavio, un incrocio di sguardi che si è trasformato in passione; e poi Jacopo, il marito che le è sempre stato accanto ma ultimamente sembra non capirla più. Anita crede di amarli tutti, ma forse la verità è che la vita le sta sfuggendo di mano, come la sua immagine riflessa nello specchio. Dovrà scavarsi dentro e fare i conti con un passato ancora dolorosissimo, per imparare a prendersi cura di sé senza smettere di innamorarsi e di sbagliare: solo così potrà ricominciare a vedersi, e a esistere, davvero, , si legge nella presentazione del libro sul sito di Rizzoli.

  • shares
  • Mail