L'arte di essere fragili, Alessandro D'Avenia

Il poeta di Recanati protagonista dell’ultimo libro dell’autore di “Bianca come il latte, rossa come il sangue”

leopardi_giacomo_1798-1837_-_ritr-_a_ferrazzi_recanati_casa_leopardi.jpg

Giunto al successo nel 2010 con Bianca come il latte, rossa come il sangue, Alessandro D’Avvenia ha interrotto, nella settimana fra il 30 ottobre e il 5 novembre, il dominio di Harry Potter e la maledizione dell’erede nella classifica dei libri più venduti in Italia.

Con L’arte di essere fragili. Come Leopardi può salvarti la vita il trentanovenne dottore di ricerca e insegnante di Lettere è balzato in testa alla classifica dei bestseller rivitalizzando presso il grande pubblico la figura di Giacomo Leopardi. Al poeta recanatese, D’Avenia attribuisce un ruolo determinante nella propria ricerca della felicità.

Liquidato dai più come un uomo sfortunato e pessimista, Leopardi è per D’Avenia un giovane uomo affamato di vita e di infinito, capace di restare fedele alla propria vocazione poetica e di lottare per affermarla, nonostante l'indifferenza e perfino la derisione dei contemporanei. Nella sua vita e nei suoi versi, D'Avenia trova folgorazioni e provocazioni, nostalgia ed energia vitale.

Dai versi di Leopardi, D’Avenia prende spunto per rispondere ai tanti e cruciali interrogativi che da molti anni si sente rivolgere da ragazzi di ogni parte d'Italia, tutti alla ricerca di se stessi e di un senso profondo del vivere.

Anche nell’era del digitale, della condivisione, della dittatura dell’apparire a discapito dell’essere, le domande sembrano essere le stesse alle quali un giovane intellettuale di due secoli fa provava a rispondere in versi e in prosa.

La sfida è lanciata, e ci riguarda tutti: Leopardi ha trovato nella poesia la sua ragione di vita, e noi? Qual è la passione in grado di farci sentire vivi in ogni fase della nostra esistenza? Quale bellezza vogliamo manifestare nel mondo, per poter dire alla fine: nulla è andato sprecato? In un dialogo intimo e travolgente con il nostro più grande poeta moderno, Alessandro D'Avenia porta a magnifico compimento l'esperienza di professore, la passione di lettore e la sensibilità di scrittore per accompagnarci in un viaggio esistenziale sorprendente. Dalle inquietudini dell'adolescenza – l'età della speranza e dell'intensità, nei picchi di entusiasmo come negli abissi di tristezza – passiamo attraverso le prove della maturità – il momento in cui le aspirazioni si scontrano con la realtà –, per approdare alla conquista della fedeltà a noi stessi, accettando debolezze e fragilità e imparando l'arte della riparazione della vita. Forse, è qui che si nasconde il segreto della felicità,

si legge nella presentazione del libro, edito da Mondadori, che getta una nuova luce sul poeta di Recanati.

01-alessandro-davenia-leopardi.jpg

  • shares
  • Mail