"The Danish Girl", il romanzo di David Ebershoff da cui è tratto il film

La storia del primo transgender della storia

the-danish-girl-mti.jpg

E’ stato presentato alla alla 72ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia e in pochi mesi ha raggiunto più di 2 milioni di incassi solo in Italia. Stiamo parlando di “The Danish Girl” film diretto da Tom Hooper, adattamento del romanzo “La danese” (The Danish Girl), scritto nel 2000 da David Ebershoff.

Chi è the Danish Girl? Il primo transgender della storia, protagonista del romanzo scritto dall’autore de “La 19° moglie”. La storia di Greta e Einar, una coppia di artisti danesi all’inizio del Novecento: lui realizza paesaggi, lei lavora per ricchi committenti di Copenaghen. Entrambi lavorano nello stesso atelier; un giorno Greta chiede al marito di posare in abiti da donna, in modo da poter terminare il ritratto di una nobildonna. All’inizio Einar è un po’titubante, ma acconsente alla richiesta della donna. Una richiesta che giorno dopo giorno diventa sempre più un’esigenza e che trasforma Einar in Lili Ebe, la pioniera dei transgender.

Una mutazione che avviene sotto gli occhi della sua amata, scossa dal dissidio interiore che prova: quanto è infatti grande l’amore per suo marito? Grande al punto da lasciarlo vivere la sua seconda identità? Oppure troppo grande da non poter vivere senza di lui?

Un romanzo che narra di una storia di vivida attualità, quella di Einer/Lili e del suo percorso difficile, nel 1930 come oggi, di sottoporsi ad un intervento di riassegnazione sessuale. Difficile non solo per il lungo iter, ma anche per le non poche diffidenze che la società – di allora e di oggi – ha nei confronti del mondo transgender.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail